Respiro, di Maria Beatrice Masella

Respiro, di Maria Beatrice Masella

L’autrice ha un grande talento, quello di riuscire a descrivere in gergo moderno, giovanile, di immediata comprensione da parte di ragazzi e adulti una situazione di disagio tipica, nella quale è facile, per i ragazzi d’oggi ritrovarsi nel momento cruciale dell’adolescenza: cambiamenti improvvisi di residenza, separazione dei genitori, impatto con una scuola nuova, senso si solitudine, di soffocamento. La protagonista di questo romanzo, Rossana, vive tutte queste situazioni che la portano a somatizzare il disagio in una sorta di allergia, che la fa quasi cessare di respirare. Catapultata da Panevino, località sperduta sulle colline della Lucania, dalla casa di campagna, dall’affetto rassicurante e caldo della nonna Elvira, nella grande città di Bologna, solo con la madre, con la quale ha da sempre un rapporto conflittuale di rancore, gelosia, incomprensione e diffidenza, deve abbandonare, oltre alla nonna, il padre adorato, che, apparentemente tradisce il loro rapporto speciale, rinunciando a seguirle al nord.

Così Rossana deve farcela da sola. Una sua dote straordinaria è l’autonomia di pensiero, la capacità di essere se stessa, di non sentire il bisogno di adattarsi alla massa. Per entrare nella nuova scuola, anzi, compie un gesto significativo: si fa fare da una parrucchiera una cresta tinta di verde; è il suo biglietto da visita, come se volesse dire: non mi importa quello che pensate, io in questo momento mi sento ispida e amara come questa cresta. Non solo. Rossana ha anche un’altra straordinaria dote, quella della sensibilità. Il romanzo (come tutti i romanzi della Masella) si caratterizza per un’attenzione scrupolosa ai dettagli sensitivi: odori, suoni (la tromba del musicista anonimo), sapori (indimenticabile l’incipit in cui mangia un fico “masticandolo piano per paura di mordere i ricordi“, che il suo sapore dolciastro le ricorda). Rossana conosce se stessa, i compagni, i genitori, i professori attraverso una serie infinita di piccole percezioni sensoriali che l’aiutano a vedere le persone più in profondità. E’ così che farà scoperte che l’aiuteranno a formare la sua personalità di adolescente, arricchendola di affetti nuovi.

Fondamentale per Rossana è anche l’amicizia con Sara, più grande di lei, che vive da sola, appassionata di musica rock e metal. E naturalmente, non meno importante, il rapporto con i ragazzi, che stranamente si sdoppia: quello più concreto con il compagno di classe, Claudio, e quello più mistico e inconsueto con Andrea, il trombettista. Altre due persone svolgono un ruolo fondamentale nella sua esperienza di adattamento: due persone legate alla somatizzazione del suo disagio: l’allergologa che lo diagnostica e Marina, la professoressa di francese che mette in scena con la classe la recita di un Cyrano alternativo e che sa ascoltare senza giudicare: “Che bella sensazione poter incontrare un adulto che ha visto perfettamente i tuoi errori eppure ti perdona! In genere o incontri adulti che puoi mettere nel sacco e quindi non paghi nessuna conseguenza ma impari solo a scansare le responsabilità, oppure incontri adulti che ti vogliono addomesticare e allora ti puniscono appena sbagli, così non lo fai più ma solo per paura della punizione. Il perdono offerto consapevolmente di fronte all’errore è la più grande arma educativa: come avrei potuto ancora deludere la persona che mi offriva fiducia anche quando avevo già dato prova di non meritarla? Era una fiducia al quadrato!

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento