Categoria: Narrativa di viaggio

La figlia del Maharaja (Aras)

L’India nel diario di un’esperienza di viaggio vissuta come un volo di fantasia, un tuffo nelle atmosfere magiche di un luogo che è talmente ricco di contrasti da non poter essere colto, davvero, nella sua interezza. L’autrice, Francesca Giommi, ben consapevole delle contraddizioni socio-economiche del Paese, ha scelto di seguire nel suo racconto il fil …

La chiusura del cerchio, di Giorgio Daidola (Il Frangente)

Giorgio Daidola dice che non gli piace fare un diario di bordo. Ma questo libro, il suo terzo pubblicato con Il Frangente, casa editrice che è nata nel 1996 con lo scopo di produrre e pubblicare una collana di portolani finalizzati alla navigazione da diporto è a tutti gli effetti un diario di bordo: il diario …

Il dio degli incroci, di Stefano Cascavilla (Exòrma)

Dis Manibus. E’ sicuramente la prima volta che negli ultimi secoli un libro si apre con questa dedica. Agli Dei Mani. Nella cultura dell’antica Roma i Mani erano gli spiriti degli antenati che rimanevano legati alla famiglia e quindi alla casa; i Romani li distinguevano in Penati, quelli che custodivano la dispensa, fonte di sopravvivenza …

Il gatto buddhista, di Vio Cavrini (Polaris)

La seconda serie di racconti pubblicati da Cavrini nel 2015 prende il titolo dal primo di essi, ambientato a Myanmar, in Birmania, in un tempio buddhista della metà del ‘700, chiamato Monastero di gatti saltanti per la peculiare presenza, fra numerosi altri, di alcuni gatti eredi di quelli che negli anni ’60, un monaco aveva …

Ci sono posti così, di Vio Cavrini (Polaris)

La caratteristica della letteratura di viaggio di Vio Cavrini è quella di cogliere il dettaglio: un paesaggio ravvicinato, un gruppo di persone, un complesso architettonico. Ma ancora più del collettivo è il singolo che lo colpisce: una persona in particolare, un animale, uno scorcio, una strada, un oggetto. E su questi dettagli costruisce una storia …

L’acqua alta e i denti del lupo, di Emanuele Termini (Exòrma)

Emanuele Termini, friulano, al suo primo romanzo, condensa in queste pagine un entusiasmo profondo per Venezia, della quale restituisce la propria visione appassionata, senza tempo, insaziabile: “A Venezia io ci vado da sempre, da quando so come si fa. Non ho neanche bisogno di un pretesto, semplicemente ci vado; c’è stato un periodo in cui …

Da Vinci su tre ruote, di Alessandro Agostinelli (Exòrma)

Uno scanzonato racconto di viaggio scritto in modo irresistibile: limpido e istintivo come un dialogo, ironico, arguto, profondo. Alessandro Agostinelli, giornalista e consulente in comunicazione, sulla scia di una propria emozione, immediata e in parte irrazionale, ha deciso di fare un viaggio geo-biografico su Leonardo da Vinci. Senza la pretesa di scrivere un saggio approfondito …

Tacito, Germania, di Dino Baldi (Quodlibet)

Una sfida, quella dell’esimio Dino Baldi, filologo classico, scrittore e saggista: rileggere un libro erroneamente considerato ‘minore’ di Tacito, La Germania – che al contrario rappresenta un fondamentale esempio di monografia etnografica arrivato a noi dall’antichità – con l’acutezza di uno studioso moderno e l’ approfondimento non solo del contesto in cui l’opera è stata …

Fari di Bretagna, di Susy Zappa (Il Frangente)

Un’idea nuova di viaggio, nata da una grande passione, quella per il mare e per tutto il suo corollario storico, geografico ma anche sociale e culturale. Una vera e propria periegesi alla Pausania, un percorso capillare e meditato di tutta la costa bretone, metaforicamente saltando, come sui ciottoli di un fiume, di faro in faro, …

L’Amazzonia interiore, di Luciano Caminati (Polaris)

Luciano Caminati, nato a Reggio Emilia vive a Bologna. Appassionato di viaggi e fotografia, ha esplorato territori primordiali, fra i quali, l’Amazzonia, del quale in questo breve e intenso romanzo, restituisce un’immagine intima, amara, sofferente. Il viaggio fu compiuto nel 1986 e al ritorno l’autore pubblicò immediatamente il suo reportage. Dopo oltre quarant’anni, la casa …