Da Vinci su tre ruote, di Alessandro Agostinelli (Exòrma)

Da Vinci su tre ruote, di Alessandro Agostinelli (Exòrma)

Uno scanzonato racconto di viaggio scritto in modo irresistibile: limpido e istintivo come un dialogo, ironico, arguto, profondo. Alessandro Agostinelli, giornalista e consulente in comunicazione, sulla scia di una propria emozione, immediata e in parte irrazionale, ha deciso di fare un viaggio geo-biografico su Leonardo da Vinci. Senza la pretesa di scrivere un saggio approfondito (che sarebbe stato uno degli innumerevoli), si è posto molto umilmente una domanda, semplice e apparentemente banale: “Leonardo da Vinci era davvero un genio?“.

È una sfida, ovvio. Una sfida al modo di imporre un’etichetta senza cognizione di causa o valutazione obiettiva. E’ un’avventura che decide di costruirsi su di sé.

Il viaggio viene preparato in modo molto preciso: innanzitutto per il mezzo: appassionato vespista degli anni ’70, decide di utilizzare l’ultima generazione di quello scooter storico, il tre ruote MP3 500 hpe Business, affiancato da un camper 5 posti che lo avrebbe seguito, ospitato di notte e supportato in caso di necessità. L’equipaggio viene selezionato, istruito e raddoppiato (a Lione i suoi componenti si sarebbero dati il cambio, premura opportuna considerando il viaggio di andata e ritorno).

E poi parte con le tappe ben definite e gli appuntamenti concordati con le persone giuste che lo aiutino a vedere il grande artista sotto un profilo meno usuale e altisonante del solito: un profilo dimesso, più familiare: “Se ci pensiamo meglio Leonardo non amava mangiare la carne, vestiva con giacche larghe, da pittore, liberava gli animali dalle gabbie, portava i capelli come quelli di Woodstock nel 1969, aveva litigato col padre…un precursore dei figli dei fiori!”. Ne emerge un Leonardo più delicato pur nella sua possanza culturale; un Leonardo alla nostra portata, moderno e, incontestabilmente, immenso.

A Vinci parla con la direttrice del Museo Leonardiano e l’’ex sovrintendente fiorentina, a Milano, la città del suo primo grande mecenate e committente, Ludovico il Moro, con il poeta Tomaso Kememy, poi a Genova, città molto amata da Leonardo, dove ha appuntamento con Franco Cardini.

A poco a poco si raggiunge una definizione nuova di Leonardo, più ragionata ed equa che rende merito al fertilissimo ambiente storico-culturale nel quale ha vissuto. E Agostinelli, musicofilo e musicista, ne delinea un ritratto, mutuando la metafora dal mondo del jazz, quella di “un jazzista non musicista (…), un grande improvvisatore e uno dei pochi che sapeva elevarsi sulle spalle di altri e grazie al contributo dei suoi allievi, come fossero la base ritmica dei suoi assolo (…), mettendo insieme e migliorando invenzioni precedenti, ‘suonava il tema (idea o progetto) di qualcun altro e con alcune varianti abbelliva e dava nuova vita all’opera (manufatto o attrezzo meccanico che fosse)”.

Ma il viaggio di Agostinelli ha, nell’ultima pagina, un altro esito, inatteso dopo il registro umoristico mantenuto per tutto il libro: una riflessione nostalgica sulla storia che seleziona i grandi facendoli emergere dall’ambiente circostante in modo, per certi aspetti, iniquo: “al suo cospetto, quanto sono rimasti nel sonno della storia? Non dico i derelitti e i martiri e tutti coloro, poveretti, che non avevano colpe, ma intendo anche quegli artisti e quegli ingegneri che avevano, per esempio, dato tutto già pronto al genio di Vinci, il quale, con piccolissime correzioni, aveva infine messo a punto l’invenzione. Chissà perché la storia dimentica, sposta, omette (…): mi piacerebbe più democrazia nella storia, o meglio la consapevolezza che potremmo ricordare tanto oltre la punta dell’iceberg. Invece non possiamo. E la storia ci ricorda che essa è comunque un gioco di forze nel corso del tempo e che è simile alla cronaca giornalistica, dove in vetrina trovo posto soltanto un caso alla volta, perché non si può raccontare l’intero mondo, ma solo un assaggio di come il mondo va”.

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento