Categoria: Introspettivo

Quando volevamo fermare il mondo, di Antonio Fusco (Giunti)

“Un amore finisce davvero solo quando non hai più bisogno di dimenticarlo. Quanti amori non dimenticati ci accompagnano nel tempo? Amori che hanno dato una direzione al o scorrere del a nostra vita. Che ci hanno portato dove siamo, con gioia o sofferenza. In fondo si sceglie sempre per amore, che sia corrisposto o meno, …

La lettera Aleph e l’antico manoscritto esseno, di Susanna Preti (EDDA)

Susanna Preti, bolognese, diplomata in chimica, con studi successivi di Arte, Arte-Terapia e Counselling, ispirata da un sogno che le ha lasciato, al mattino, il tema di una strana suggestiva storia, esordisce con un romanzo complesso, già ben strutturato e approfondito. Da distopico per ambientazione temporale (2050), introspettivo per il percorso di formazione che i …

Fuga in campagna, di Maurizio Garuti (Minerva)

Collezionista di storie della bassa bolognese, Maurizio Garuti è la penna che trasferisce la tradizione orale delle campagne padane in racconti e romanzi dove segmenti poetici intersecano la trama in prosa. E a quei racconti e romanzi dà veste diversa a seconda della storia, delle atmosfere, degli intenti sottesi. La campagna è la meta che …

Ho trovato un cuore a terra e non era il mio, di Claudia Venuti (Sperling & Kupfer)

Si sente un’eco de “La coscienza di Zeno” in questo romanzo di Claudia Venuti, scrittrice riminese approdata al successo con la sua trilogia d’esordio “Passi di Mia”, per l’approfondimento introspettivo quasi maniacale della protagonista. Nina rielabora il disagio giovanile nel quale era sfociata la sua infanzia per la delusione di una famiglia nella quale non …

Dante in Love, di Giuseppe Conte (Giunti)

Nato dal senso di desolazione, abbandono e solitudine che l’autore si è trovato a vivere nel periodo del primo lockdown 2020, sulla suggestione di “ritrovarsi in una selva oscura” e che per tutto il genere umano e non solo per lui “la diritta via” fosse “smarrita”, Giuseppe Conte, poeta, scrittore, drammaturgo, librettista e saggista, ha …

E io c’ero…, di Maria Giovanna Bruzzi (Edda)

L’autrice, bolognese (di Anzola), laureata in lingue con la passione per il mondo dell’infanzia, al quale ha dedicato tutta la sua vita professionale – prima come educatrice di scuola materna poi come Counsellor nell’associazione ludico-creativa da lei fondata – ha scritto questo racconto come riflessione personale, nei mesi della prima gravidanza. Una gravidanza inizialmente a …

La prigione di carta, di Marco Onnembo (Sperling & Kupfer)

Malcolm King, professore di scrittura creativa, è una vox clamantis in deserto in un mondo ormai completamente digitalizzato. Nella visione distopica che il contesto della pandemia con le conseguenze della DAD e dell’informatizzazione dei servizi sempre più estesa (ben oltre l’immaginato dall’autore quando, nel 2019, cominciò a scrivere il romanzo) rende quasi una realtà, il …

Loro, del Reno, di Elle (EDDA)

Dopo “Il manoscritto di Bologna”, Elle (nom de plume di Elisabetta Laffi, bolognese, laureata in lingue e letteratura tedesca) decide che i protagonisti di quel suo primo libro ne meritavano un secondo, perché tutti avevano ancora tanto da dire e da dare. E non solo Mia Maldini, la giovane bibliotecaria e ballerina del Teatro Comunale, …