Categoria: Recensioni

Demoni sul Navile, di Simone Metalli e Eva Brugnettini (Damster)

Dentro il giallo, le persone. Questo leit-motiv di molti romanzi gialli e noir di oggi, specialmente della fertile scuola bolognese impronta anche “Demoni sul Navile”, i cui protagonisti principali, l’ispettore Oussama e la sua ex compagna di università, Lucrezia, intrecciano le proprie storie al delitto su cui indagano producendo una trama avvincente e toccante. Lui, …

Il paese di Saimir, di Valerio Varesi (Centoautori)

Spietato e disperato. Senza la pietà di chi fa solo il proprio interesse, senza la speranza, per tanti, di poter cambiare e rasserenare il proprio futuro. Un romanzo sulla realtà corrotta e senza scrupoli del mondo dell’edilizia più bieca, quella dello sfruttamento del lavoro nero, degli appalti strappati per vie traverse, dell’impiego di materiali scadenti …

Il ragazzo che dava i numeri, di Roberto Vaccari (Onirica)

Con uno stile e una struttura che sanno di letteratura inglese classica, dalla cornice del racconto vissuto che avvolge la trama al registro narrativo lento, riflessivo, cadenzato, Roberto Vaccari ripercorre con grande competenza ed effetto le tracce dei migliori Conrad e Poe. Il narratore, Giorgio, racconta di un fatto accadutogli anni prima, sconvolgente. Dopo l’inquietnate …

Dimmelo adesso, di Caterina Falconi (Vallecchi)

Caterina Falconi, penna multiforme di narrativa e saggistica, sa essere molto dolce quando scrive per bambini. Ma in questo romanzo sceglie la voce più efferata per colpire gli adulti, scuoterli, mostrare il riflesso del proprio comportamento egocentrico in quello fragile, a volte scriteriato, dei loro figli. Un romanzo crudo sul disagio giovanile colto dall’interno, come …

Chissenefrega degli anni Ottanta, di Sabina Macchiavelli (SEM)

Dedicato a chi gli Anni Ottanta li ha vissuti a vent’anni. La protagonista, Sandra – dietro cui fino ad un certo punto si è posizionata l’autrice tanto da utilizzare all’inizio il proprio nome, per poi staccarsene quando non si è più sentita identificata in lei – a vent’anni lascia l’Italia, la propria famiglia, con la …

“Affari di libri”, di Mariagloria Fontana (Giulio Perrone)

Mariagloria Fontana, giornalista, scrittrice, radioconduttrice, si propone con questo bel libro contemporaneamente nei tre ruoli: col taglio netto e moderno della giornalista intervista autori e autrici che hanno partecipato al suo programma, contestualizzando il pezzo con un’introduzione che riporta le sue prime impressioni sul protagonista, le circostanze del primo incontro e quelle dell’appuntamento dedicato appositamente …

Segreti che uccidono, di Riccardo Landini (Newton Compton)

Terzo romanzo dedicato alla figura di Astore Rossi, indiscutibilmente atipico protagonista di gialli seriali. Non è un investigatore, nè un magistrato, nè un giornalista, nè un poliziotto, né un commissario. Astore è un restauratore. Dopo un’adolescenza compromessa da un arresto con conseguente detenzione di quattro anni per l’assorbimento di una colpa altrui (il romanzo richiama …

Pensieri a perdere, di Barbara Albertini (Giulio Perrone)

Silloge d’esordio di Barbara Albertini, bolognese, restauratrice con la passione per la poesia.  Nell’alternanza di versi sciolti a versi più strutturati, talvolta in rima, si percepisce l’attaccamento umile a questo genere letterario che conserva un’eco di filastrocche, poesie di un tempo, ammiccamenti all’infanzia. C’è una ricerca di luce, di orizzonti aperti, di fiducia, di speranza. …

Storia di Antonio Zanni, pescatore di frodo, contabile, soldato, di Giancarlo Bresciani (La Carmelina)

Antonio Zanni, di Comacchio, nato alla fine del XIX secolo, racconta la sua storia che potrebbe attraversare il Novecento, se il destino gli avesse concesso una vita lunga come tante; se, dopo aver fatto il pescatore di frodo da ragazzino, aver ottenuto un posto da contabile a Ferrara, dove per di più aveva incontrato il …

Il lungo inverno, di Maurizio Garuti (Minerva)

Più cronache di vita partigiana che romanzo, ma non solo cronache perchè le storie vere scovate da Garuti in “tomi preziosi ma quasi intonsi che giacciono sugli scaffali di biblioteche frequentati solo da pochi studiosi” (Anna Cocchi nella Prefazione) diventano nelle sue mani racconti profondi e toccanti. Garuti è un maestro di storie. Le sa …